Cicloflop

dicembre 20, 2010

Il tempo che impieghiamo a pensare a qualcosa prima di accorgerci che tanto falliremo. “Ho fatto un cicloflop di mezz’ora,  avevo sbagliato un + all’inizio”

De alea quaestione

dicembre 19, 2010

Quae causa est eorum quae non habent satis rationis? Phaenomena sine causa possunt intellegi hominum mente? Quae  phaenomena  primum libera essent  veri causis, quin etiam possent quasdam sine cursu et suo arbitratu efferre. Quae phaenomena dicimus “alea”.

In toto alea divisa est in partes tres: quarum una simulationes continet, alia inventiones, tandem illa naturalia, quae, ut nobis videtur, fortuita sunt.

Simulationes forma magis communis sunt: nummo taloque ictis proponimus ut exemplum. Etiamsi non invenitur in illis casus ipse in ratione vivendi, qui ludunt conveniunt suam inscitiam de exitu, igitur fingunt abesse necessaria quod loquimur aleam.

Cum, nescientes quemdam modum, exitus aleae tribuimus, quamvis alea posset nulla esse, haec inventio est. Non solum, sed etiam cum modus tam difficilior est ut posset concipi redimus hunc appellar in casu positum. Caeli condicio, hominum fata, numina, exempla sunt facta constituta rebus quae, multa et  incognita, fiunt improvisa.

Naturalia phaenomena aleae iuncta comparanda sunt cum particula-unda. Quod vinculum aequat illa de quibus certiores sumus cum illis de quibus certiores non sumus, generans absentiam rationis necessariae. Plura experimenta ostendunt partem illam incognitam referri ad aleam, neque ullae causae sunt probantes vinculum fortuitum.

Quomodo casus coniungitur cum hominis virtute? Viris probis non contemnendus est casus? Ut semper, in medio veritas. Homo rectus suscepit vitae fortuita, quibus cum esset casus pars, postulant, quod ad se attinet, quemdam similudinem cum illa. Igitur necesse est inopiam satis rationis ostendi et redigi in potestatem illius qui vivit in mutatis mutandis aut moritur si talem inopiam ignorat.

Nicolaennio dixit.

Wikileaks e le mafie

dicembre 15, 2010

Il programma di wikileaks è quello di raccogliere spiate (sì, vili spiate anonime) internazionali e renderle pubblicamente accessibili al mondo di Internet. La principale critica a questo sistema è che una spiata potrebbe mettere in pericolo delle vite umane, se ad esempio riguarda dei piani strategici di una nazione in guerra. D’altra parte viviamo in una democrazia, e sarebbe giusto che i cittadini possano informarsi liberamente. Visto che non c’è risposta alla solita domanda “Quis custodiet ipsos custodes?” direi che la bilancia pende a favore di wikileaks.

La mia proposta è: perché non fare una cosa simile in Italia per combattere le mafie (Cosa nostra, Camorra, ‘Ndrangheta e Sacra Corona)? L’idea è semplice, nell’assoluto anonimato chi ha informazioni sensibili su avvenimenti mafiosi può uploadarli liberamente su un sito pubblico (tipo quello della guardia di finanza) che potrebbe anche rendere accessibili le notizie. Ovviamente c’è il solito problema che i mafiosi ti ammazzerebbero subito se scoprissero che gestisci il sito, quindi il governo dovrebbe assicurare un’implementazione del tutto anonima. Capisco che l’idea della spifferata non è proprio nuova, però un marketing del tipo “wikimafia – adesso è il suo turno” potrebbe avere un certo effetto mediatico.

Yes, statistica

dicembre 2, 2010

Devo continuare la mia serie sull’uso della statistica (link), su questa tematica:

http://www.smbc-comics.com/index.php?db=comics&id=2080#comic