Schema di telegiornale

marzo 13, 2010

Per nove anni Dadiv Lynch, che ho riscoperto leggendo “Acque Profonde“, seguiva un fumetto su un quotidiano che era disegnato sempre allo stesso modo, ma con la variazione dei fumetti pronunciati al suo interno. Quindi uno schema sempre uguale con la variazione dei contenuti. Il risultato era tipo questo:

L’idea è quella di neutralizzare l’informazione visiva, in quanto è sempre la stessa, e di spostare l’attenzione sul contenuto. Il lettore si abitua, e si aspetta, di vedere sempre li stessi disegni, ma nel contempo una parte, ben precisa, del suo cervello si accende e cerca la novità. Lo stesso trucco viene usato dal Dinosaur Comics, anche se i disegni lasciano decisamente a desiderare.

Anche i servizi dei telegiornali di solito seguono uno schema, e questo video in inglese ne fa un esempio:

Bene, ho cominciato ad accorgermi che i servizi del tg1 sono spesso riconducibili a questo schema…

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-3faef1b5-36e8-446a-a5ac-b4c16c5fb3ea.html

[update]

non c’è solo “questo servizio”, ma ci sono anche “il titolo di questa canzone“, “il titolo di questo film“.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: