Intelligenza Fluida

settembre 5, 2009

Perché non migliorare la propria intelligenza fluida con un po’ di esercizio quotidiano? L’intelligenza fluida è l’abilità di risolvere quesiti come le matrici di Raven [1,2]

matrice di Raven

matrice di Raven

tutto quello che bisogna fare è indovinare il tassello mancante. Ho criptato la soluzione in fondo [3].

Incredibile ma vero Jaeggi ha trovato che con un semplice gioco, chiamato n-back,  si può allenare la nostra memoria ram, cioé quella breve, e che questo miglioramento consente di diventare più bravi risolvere i giochetti di Raven.

Il gioco consiste nel memorizzare indipendentemente ma contemporaneamente un suono ed un’immagine

Il gioco ha vari livelli di difficoltà ed ogni passaggio di livello è una vera sfida! [4].

Una Nota Scientifica

Dal punto di vista scientifico l’articolo di Jaeggi ha diversi aspetti interessanti:

Il primo è che i partecipanti al suo esperimento hanno eseguito il test di Raven prima e dopo essersi allenati al gioco MA fare il test di Raven ti fa diventare più bravo a farlo! Quindi la metà di loro non ha fatto l’allenamento ma semplicemente sono serviti per misurare quanto si migliorasse a fare il test. In pratica bisogna tenere conto del fatto che misurare l’intelligenza cambia l’intelligenza.

Il secondo punto interessante è che di solito diventare bravi ad eseguire qualche compito non fa diventare più intelligenti o più bravi in un altro compito, cioé è quasi impossibile trasferire l’abilità da un compito ad un altro. Questo rende sorprendente il risultato ottenuto da Jaeggi.

Il terzo è che più ti alleni e più migliora la tua intelligenza fluida! Il gruppo di coloro che si sono allenati è stato diviso a sua volta in periodi di allenamento ed in effetti chi si è allenato di più ha guadagnato più abilità.

Jaeggi e solo Jaeggi

Quando ho scaricato il software Brainworkshop ho trovato dei forum di persone che condividevano la loro esperienza sul gioco, con mio disappunto molti hanno modificato il protocollo di Jaeggi, di solito rendendolo più impegnativo, pensando così di migliorare ulteriormente le loro prestazioni. Non credo che questo sia corretto, innanzitutto perché se modifichi il protocollo non puoi più confrontarti con la pubblicazione di Jaeggi, in secondo luogo perché lo scopo dell’esperimento è trasferire l’abilità da un campo all’altro e ho come l’impressione che se l’esercizio è troppo difficile questo trasferimento potrebbe non accadere.

[1]: immagine presa da http://www.iqtest.dk

[2]: http://www.johnraven.co.uk/

[3]: cceihor

[4]: brainworkshop.sourceforge.net

Annunci

2 Risposte to “Intelligenza Fluida”

  1. […] 2, 2010 Relativamente al mio post sull’intelligenza […]

  2. […] Intelligenza Fluida September 2009 1 comment 4 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: